Uplea - Università Popolare Itinerante del Tempo Libero e della Libera Età di Ascoli Piceno

slide piccolo

ALLEGORIA, un libro di Walter Cerfeda

 


 

Domenica 8 maggio alle ore 17,30 presso la libreria Rinascita, Maria Pia Beani, presidente dell'UPLEA, ha presentato ALLEGORIA, un libro di Walter Cerfeda, dirigente sindacale ed autore di numerosi libri.
Il tema è particolarmente scottante e attuale, il terrorismo di matrice islamica.
Ha coordinato l'incontro Paola Giovannozzi, segretaria generale CGIL di Ascoli Piceno.

Presentazione del libro I PICENI di Bernardo Carfagna


 

 Sabato 2 aprile a Palazzo dei Capitani, Sala dei Savi, alla presenza di un folto e interessato pubblico, si è svolta la presentazione del libro I PICENI di Bernardo Carfagna edito da Capponi Editore per l'UPLEA.

All'evento, presentato dalla presidente Maria Pia Beani, ha partecipato il sindaco di Ascoli Avv. Guido Castelli e il Prof. Enrico Giorgi docente di archeologia presso l'Università di Bologna.

Felice Vinci: Omero nel Baltico

 

Il reale scenario dell'IIiade e dell'Odissea non è identificabile  nel mar Mediterraneo dove dà adito ad innumerevoli incongruenze: un clima sistematicamente freddo e perturbato, battaglie che proseguono durante la notte, eroi biondi intabarrati in pesanti mantelli di lana, fiumi che invertono il loro corso, il Peloponneso pianeggiante, isole e popoli introvabili, ma nell'Europa settentrionale.

Le saghe che diedero origine ai poemi omerici provengono dal Baltico e dalla Scandinavia, dove nel Il millennio a.C. fioriva una splendida età del bronzo e dove sono tuttora identificabili molti luoghi omerici, fra cui Troia (nella Finlandia meridionale, a 100 km da Helsinki), Itaca (in un arcipelago danese, l'unico al mondo ad avere tutte le caratteristiche indicate da Omero) e i siti dei viaggi di Ulisse (al di fuori del Baltico, tra le coste e le isole atlantiche della Norvegia). Queste saghe poi furono portate in Grecia, in seguito al tracollo dell' "Optimum climatico post-glaciale", dai biondi navigatori achei, migrati dal Nord, che nel XVI secolo a.C. fondarono la civiltà micenea.

Essi ricostruirono nel Mediterraneo il loro mondo originario, in cui si erano svolte la guerra di Troia e le altre vicende della mitologia greca, e perpetuarono di generazione in generazione, trasmettendolo poi alle epoche successive, il ricordo dei tempi eroici e delle gesta compiute dai loro antenati nella patria perduta.

La messa per iscritto di questa antichissima tradizione orale, avvenuta in seguito all'introduzione della scrittura alfabetica in Grecia, attorno al IX-VIII secolo a.C., ha poi portato alla stesura dei due poemi nella forma attuale.

Essi, riletti in questa chiave, ci danno una testimonianza straordinaria e assolutamente unica del mondo dell'età del bronzo nordica, di cui ci rimangono bellissimi reperti archeologici ma di cui finora non avevamo nessuna testimonianza letteraria: questa rilettura dei poemi omerici sposta indietro di un millennio la storia della preistoria europea! Inoltre questa nuova prospettiva potrebbe favorire un diverso approccio all'idea di unità dell'Europa, basata non più soltanto sull'economia e sulla finanza, ma anche sulla cultura e sulla consapevolezza delle nostre comuni origini.

UPLEA

V.le Costantino Rozzi 13/F
63100 Ascoli Piceno

CF: 92044760442

  • 0736.345324
  • fax: 0736.345330

ORARIO DI APERTURA

Da lunedì a venerdì, ore 10-12



Consiglio Direttivo

Franco Laganà (Presidente)
Maria Pia Beani (Presidente onoraria)
Carlo Perugini (Vicepresidente)

Teresa Cirillo
Dina De Santis
Carlo Mestichelli

Alessandro Quartarone
Giovanna Tiburtini

Antonio Vagnozzi
Gabriele Vecchioni



Sindaci Revisori

Luciana Castelli Pagnoni
Umberto Pezzini
Cesare Schiavi